Senato: presentate le linee guida del governo Letta dal ministro Giovannini

16 Maggio 2013

lorem Davanti alla commissione " Giovannini" in seno al Senato, il neo ministro del lavoro ha presentato le nuove linee programmatiche del presidente del Consiglio, Enrico Letta.
"Il governo sta lavorando anche per apportare «modifiche limitate puntuali» alla legge Fornero per favorire l'occupazione in questa fase congiunturale". Giovannini ha aggiunto: "Bisogna essere estremamente attenti a toccare una riforma che sta finalmente producendo una serie di effetti voluti perchè l'instabilità normativa non è amata dagli investitori. Stiamo lavorando su un pacchetto delle migliori pratiche europee", e ancora : "stiamo valutando le proposte che sono state fatte in passato". Giovannini dichiara di voler affidare a un sottosegretario "una forte operazione di semplificazione su aspetti formali, non sostanziali, degli adempimenti burocratici delle imprese su lavoro e previdenza", segnalando che il costo della burocrazia è stimato in cinque miliardi l'anno. Illustrando le linee guida del suo dicastero Giovannini cita le «due emergenze» della cassa in deroga e degli esodati su cui il ministero è impegnato nella loro quantificazione precisa, cosa che nel caso dei salvaguardati non è cosa semplice. Si lavora ad un "superamento del precariato nella pa, ad un fisco amico nell'ambito dei contributi del lavoro e pensionistici, ad una revisione del welfare, alla staffetta generazionale e a politiche contro la povertà". In materia di pensioni, Enrico Giovannini mostra di avere le idee chiare. Secondo quanto anticipato dallo stesso responsabile del dicastero del Lavoro, Il governo potrebbe procedere ad una revisione delle regole sulla previdenza puntando su una «flessibilizzazione» dell' uscita dal mercato del lavoro, permettendo alle persone di andare in pensione prima dell'età prevista dalla riforma Fornero attraverso "penalizzazioni" sull'importo dell'assegno che si percepirà. Diversamente per quanto riguarda il lavoro, il neo ministro frena sull' ipotesi di modificare la riforma Fornero :" Bisogna stare molto attenti" ha dichiarato il ministro in una audizione al Senato "a toccare una riforma che sta finalmente producendo una serie di effetti voluti". Giovannini ha fatto riferimento al monitoraggio pubblicato oggi dall'Isfol sugli effetti della riforma Fornero, secondo il quale nel quarto trimestre del 2012 si sarebbe registrato un calo consistente delle collaborazioni (-25,1% tendenziale, -9,2% congiunturale) a fronte di un aumento dei contratti a termine (+0,7% tendenziale, +3,7% congiunturale). Non si può fare a meno di cogliere il drammatico crollo degli occupati (seppur atipici con contratti di collaborazione) più alto rispetto all'incremento minimo di quelli con contratto a termine. E' vero che i risultati reali di alcune riforme di sistema si hanno sul lungo periodo, ma è anche vero che i dati citati dal ministro Giovannini non fanno ben sperare per il futuro del Paese e forse dovrebbero indurre nella ricerca di nuove e diverse soluzioni, come ad'esempio ridurre il costo del lavoro e introdurre un sistema che premi sul piano del salario e progressivamente le ore di lavoro regolarmente retribuite. La riforma Fornero ha avuto il merito di aver "scoraggiato" la piaga dei contratti a progetto per lavori ai quali spetterebbe invece un contratto subordinato, ma non può certo dirsi che la medesima riforma stia incentivando la "regolarizzazione" dei rapporti precari. Si spera che il neo ministro possa agire nell'interesse dei giovani colpiti dalla piaga della disoccupazione, tenendo ugualmente conto del disagio economico che grava sulle imprese in questa fase di crisi congiunturale.


Stefania Casamichele

commenti

Lascia un commento

Inserisci il nome ! Inserisci un'indirizzo email ! Inserisci un'indirizzo email valido ! Inserisci il commento !
Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.Leggi l'informativaCHIUDI