Ultimo rapporto di Almalaurea sulla condizione occupazionale dei laureati

19 Marzo 2013

lorem Secondo l'ultimo rapporto Almalaurea sulla condizione occupazionale dei laureati, nell'ultimo anno, è aumentata la disoccupazione dei laureati. Questa tendenza negativa riguarda tutte le aree geografiche e anche i laureati tradizionalmente caratterizzati da un più favorevole posizionamento sul mercato del lavoro, come gli ingegneri , i laureati in medicina, architettura, veterinaria e giurisprudenza. Tuttavia, nonostante la crisi, a cinque anni dal titolo il tasso di disoccupazione si riduce a valori considerati fisiologici. Con il passare del tempo, migliorano anche la stabilità del lavoro e il livello medio delle retribuzioni. In sintesi, il rapporto Almalaurea conferma che i giovani laureati italiani hanno maggiori difficoltà dei loro colleghi europei ad entrare nel mercato del lavoro, sostenendo allo stesso tempo che la laurea continua a rappresentare un forte investimento contro la disoccupazione. Infatti, rispetto ai diplomati, i laureati godono di un tasso di occupazione più elevato di circa dodici punti percentuali. L'analisi ambivalente del rapporto insiste sulla riduzione della quota di occupati nelle professioni ad alta specializzazione, in controtendenza rispetto al complesso dei paesi dell'Unione Europea. Il rapporto rileva che il ritardo italiano nei livelli di scolarizzazione degli occupati del settore privato e di quello pubblico si riflette significativamente sui livelli di istruzione della classe manageriale e dirigente italiana, con il 37% degli occupati italiani classificati come manager ad aver conseguito solo il titolo della cosiddetta scuola dell'obbligo. Infine, il rapporto ricorda che ancora nel 2010 l'Italia si trovava agli ultimi posti per la quota di laureati sia per la fascia d'età 55-64 anni sia per quella 25-34 anni. Se i dati evidenziati da Almalaurea sono assolutamente condivisibili, lo sono meno le motivazioni che determinano questa situazione. Almalaurea sostiene che il ridotto assorbimento di laureati e la ridotta valorizzazione della conoscenza abbia più a che vedere con le caratteristiche dimensionali delle imprese italiane piuttosto che dall'efficacia e dall'efficienza del sistema universitario. Inoltre, ritiene che la mancata corrispondenza tra le caratteristiche del capitale umano offerto dai lavoratori e quello richiesto dalle imprese, il cosiddetto disallineamento formativo, sia più dovuto alle dinamiche del mercato del lavoro italiano. Pertanto, le difficoltà delle imprese a trovare alcune figure professionali sarebbe più un problema legato alle scarse informazioni disponibili, alla vischiosità del mercati del lavoro, agli elevati costi della mobilità geografica, a canali e strumenti di reclutamento poco efficienti, piuttosto che a un deficit strutturale dell'offerta formativa. Le tesi di Almalaurea , assolutorie verso il sistema universitario, rischiano di giustificare l'eccessiva presenza di offerta di percorsi universitari sganciati dalle esigenze del mondo delle imprese e non finalizzati all'occupabilità dei giovani. Invece, come previsto nell'ultimo piano triennale, le università devono rivedere la loro offerta formativa, eliminando i corsi di laurea con minori iscritti e con più deludenti risultati in termini di risultati occupazionali. Inoltre, le università devono continuare a potenziare i loro uffici di placement con la pubblicazione dei curricula dei loro laureati e deve essere sostenuto l'avvio del sistema degli ITS come formazione terziaria aggiuntiva rispetto a quella universitaria.

Stefania Casamichele

commenti

Lascia un commento

Inserisci il nome ! Inserisci un'indirizzo email ! Inserisci un'indirizzo email valido ! Inserisci il commento !
Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.Leggi l'informativaCHIUDI